RSS Feed Subscribe to RSS Feed

PiazzettaVergani.org è un blog curato dal Gruppo Giornalisti Lombardi e intende da un lato essere un tributo al collega Guido Vergani scomparso nel 2005 e dall'altro un momento di confronto su temi politici, sociali ed economici

mikhail fridman

Donne in scatola. “Occhi di maschio: le donne e la televisione”

Martedì 4 ottobre 2011
ore 20.30 al Circolo della Stampa di Milano, in corso Venezia 48
DONNE IN SCATOLA
ovvero le donne che fanno la televisione e la televisione che usa e consuma le donne
Un confronto coordinato da Marina Cosi (Nuova Informazione) e Assunta Sarlo (Usciamo dal silenzio)
Interventi di:
Daniela Brancati, autrice di “Occhi di maschio; le donne e la televisione in Italia”;
Massimo Bernardini, ”TvTalk” (Rai3),
Maria Silvia Sacchi, La 27sima ora/Corriere della Sera;
Maxia Zandonai, conduttrice TgR Rai
Guido Besana, Mediaset
La televisione è sempre più un mondo di donne, ma tutt’altro che “per” tutte le donne. Giornaliste, funzionarie, autrici, ne costruiscono il palinsesto giorno per giorno, ma le loro carriere sono più faticose e meno remunerate di quelle dei colleghi. Accanto a professioniste dello spettacolo eccellenti si accalcano veline e quel sottobosco su cui c’informano le recenti cronache. Le utenti faticano a riconoscere tracce di sè e della propria vita quotidiana nelle immagini che trasmettono i talk-show, i programmi-contenitore, la fiction, le scalette dei tigì. Ma le donne non sono solo innocenti… Anzi. Ne discutiamo senza sconti – donne, uomini, esperte/i e società civile – partendo dal bel saggio con cui Daniela Brancati, la prima direttora di un telegiornale pubblico, ha ricostruito come dal 1954 una scatola magica ha cambiato la vita delle italiane.

info:
nuova.informazione@libero.it udsmilano@gmail.com

DOMENICA ALLO SPAZIO OBERDAN PARTE “CINEMA&GIORNALISMO”

“LA NEVE E IL FUOCO:GIORGIO BOCCA SI RACCONTA”
ORE 10.30 VIA VITTORIO VENETO 1 MILANO

.

Domenica 2 ottobre prende il via allo Spazio Oberdan a Milano la 10a edizione di Cinema&Giornalismo, una delle manifestazioni legate al Premio Guido Vergani-Cronista dell’anno 2011 organizzato dal Gruppo Cronisti Lombardi.
Per la mattinata inaugurale il Gruppo, in collaborazione con Giangiacomo Feltrinelli Editore e con la Fondazione Cineteca Italiana, proietterà un’intervista inedita a Giorgio Bocca, uno dei grandi nomi del giornalismo italiano dal dopoguerra a oggi, affidata alla regia di Maria Pace Ottieri e Luca Musella. Al termine della proiezione Maria Pace dialogherà con il giornalista e critico letterario Oreste Pivetta a commento della straordinaria intervista, intitolata “La neve e il fuoco: Giorgio Bocca si racconta”, che copre un arco di 70 anni di vita e di professione del novantenne maestro di giornalismo.

I VINCITORI DEL FOTOCONCORSO STARE INSIEME

Ecco le foto vincitrici del concorso Stare Insieme, promosso da CoopLombardia, Agenzia Contrasto, Planetario Viaggi e Canon.
La mostra delle 162 foto selezionate tra le migliaia pervenute è aperta fino al 2 ottobre presso la Fondazione Forma per la fotografia, in Piazza Tito Lucrezio Caro a Milano.

Soci: Oreste Gottardo, Insieme nel gioco


Non Soci: Margherita Aliotta, In attesa


.

Più votati dal pubblico: Mario Trezzi, Generazioni in cammino


Socio Under26, Marco Caramati, Insieme da 150 anni


Non socio Under 26,Angelo Formato, Children

IL 29 SETTEMBRE PRESENTAZIONE DEL CAR POOLING DI CITTA’ STUDI A MILANO

PoliUni Pool è un servizio di car pooling realizzato dal Consorzio Poliedra del Politecnico di Milano con il contributo di Fondazione Cariplo per gli studenti, i docenti e il personale tecnico-amministrativo del Politecnico e dell’Università degli Studi di Milano. L’iniziativa rientra nel progetto “Campus sostenibile” di riqualificazione della zona di Città Studi. Il car pooling aiuta a ridurre le emissioni dei veicoli e permette di raggiungere l’università in modo economico e flessibile.
Presentazione del progetto giovedì 29 settembre alle ore 10.30 presso l’Aula Magna del Politecnico di Milano, Piazza Leonardo da Vinci, 32.
Interverranno:
Giovanni Azzone, Rettore del Politecnico di Milano
Enrico Decleva, Rettore dell’Università degli Studi di Milano
Pierfrancesco Maran, Assessore alla Mobilità del Comune di Milano,
Giuseppe Guzzetti, Presidente Fondazione Cariplo
Alberto Colorni, Docente del Politecnico di Milano
Diego Ciccarelli, Consorzio Poliedra Politecnico di Milano
Giovanna Marchionni, Dipartimento INDACO Politecnico di Milano
Enrico Prevedello, Dipartimento DIAP Politecnico di Milano

NICOLA PIOVANI IN CONCERTO A MILANO PER GLI ORFANI DI BUCAREST

L’11 OTTOBRE ALLA SALA VERDI

Nicola Piovani sale sul palco della sala Verdi di Milano per il sostegno a It’s Donkey Time!, il primo progetto di onoterapia (pet therapy con gli asinelli) dedicato ai bambini orfani e disabili della Romania. Il concerto, in programma l’11 ottobre 2011 alle 21.00, è organizzato dalla onlus italiana Save the Dogs and Other Animals in collaborazione con Fondazione Paideia e il contributo di Fondazione Cariplo e Provincia di Milano. Sarà proposto un ricco repertorio di brani scritti dal premio Oscar per cinema, teatro e concerto. Il ricavato della serata sarà interamente devoluto agli orfani rumeni.
It’s Donkey Time!, attualmente in fase di sperimentazione al Centro Don Orione di Bucarest, ha permesso di migliorare le condizioni psico-fisiche di 18 bambini orfani affetti da diverse forme di disabilità (dall’autismo alla sindrome di down fino a forme di paraplegia/tetraplegia associate a gravi ritardi psichici). Al centro del progetto ci sono gli equini salvati dai maltrattamenti e dall’abbandono sulle strade romene, appositamente selezionati da un team di esperti fra i 58 ospitati nel rifugio per asinelli di Save the Dogs, l’unico di questo genere in tutto l’est Europa.

www.concertoperbucarest.it

IL FUTURO DEL GIORNALISMO ALLA STATALE DI MILANO

IL CONVEGNO ORGANIZZATO DALL’ORDINE DEI GIORNALISTI DELLA LOMBARDIA
“Il futuro del giornalismo. Etica e professione”
Giovedì, 6 ottobre 2011
Aula Magna, Università Statale Milano
Via Festa del Perdono 3
(dalle h. 9,30 alle h. 13,30)

Programma
h 9,30 – Introduzione Letizia Gonzales, Presidente Ordine dei giornalisti della Lombardia
Saluti del Rettore dell’Università Statale, Enrico Decleva
h 9,45 – presentazione dell’indagine di Enrico Finzi (Astra Ricerche)
h 10,00 – Tavola rotonda con Pier Gaetano Marchetti (Presidente Rcs Mediagroup), Roberto Napoletano (Direttore de Il Sole 24 Ore), Marco Tarquinio (Direttore di Avvenire), Luca Telese (giornalista de il Fatto quotidiano), Annamaria Testa (pubblicitaria, docente Università Bocconi di Milano), Massimo Tafi (Presidente Mediatyche agenzia di comunicazione). Moderatrice Ilaria D’Amico (giornalista televisiva).
h 14,00 – Chiusura lavori

Per partecipare
www.odg.mi.it/ilfuturodelgiornalismo2011/accrediti

CINEMA&GIORNALISMO DAL 2 OTTOBRE ALLO SPAZIO OBERDAN DI MILANO

LA RASSEGNA ALLA 10a EDIZIONE
APRE CON UNA STRAORDINARIA INTERVISTA A GIORGIO BOCCA

Quest’anno Cinema&Giornalismo, la breve rassegna che in
ottobre apre le manifestazioni del Premio Guido Vergani-
Cronista dell’anno, compie i dieci anni di età. Avrebbe potuto
essere l’occasione di una passerella più ampia, ma le difficoltà
della crisi si fanno sentire anche per il Gruppo Cronisti
Lombardi. Ed è già un successo che grazie alla concreta e fattiva
collaborazione dell’Amministrazione Provinciale di Milano (che
mette a disposizione la prestigiosa Sala Oberdan), all’amichevole
compartecipazione della Fondazione Cineteca Italiana (che
collabora alla scelta e alla ricerca dei film e alla loro proiezione),
e al sostegno di istituzioni amiche come la Fondazione Cariplo
e la Banca Popolare di Lodi in particolare, si sia riusciti dare
corpo all’iniziativa nelle forme consuete anche per il 2011.
Per le quattro domeniche di ottobre, con ingresso gratuito, la
Sala Grande dello Spazio Oberdan vedrà scorrere immagini di
particolare interesse.
Si parte con una rara e inedita intervista a Giorgio Bocca in
cui il grande giornalista ripercorre la sua avventurosa gioventù
e settant’anni di carriera. Una testimonianza di vita e di
giornalismo – che al di là della diversità di opinioni dei lettori –
è un documento davvero straordinario.
Seguirà Dossier Odessa, un film che rievoca una tragica vicenda
del dopoguerra tedesco legata ai temi dell’Olocausto. Una storia
che consente illuminanti riflessioni sulle organizzazioni segrete
che alla fine del secondo conflitto mondiale consentirono a
decine di criminali nazisti di farla franca e un viaggio nella
memoria, per non dimenticare.
Terza domenica dedicata a un docu-film, attualissimo, girato
tutto nella redazione del New York Times, in cui si discute
del giornalismo com’è e e come sarà, a fronte dell’avanzare
di Internet e dei social network e della crisi della stampa
tradizionale.
Chiusura con “The hunting party” un film che ci ricorda
un’altra enorme tragedia, quella delle guerre etniche nella
ex Jugoslavia, con la caccia di due giornalisti a uno dei più
sanguinari “macellai” bosniaci, ispirato al personaggio reale di
Radovan Karazdic, ora sotto processo all’Aja. Un film di quattro
anni fa, che anche la recente cattura dell’ultimo criminale di
guerra serbo, Goran Hadzic, rende di grande attualità.

La manifestazione è coordinata dal
Gruppo Cronisti Lombardi
con la collaborazione della
Banca Popolare di Lodi
Un grazie particolare a
Provincia di Milano
Fondazione Cariplo
Fondazione Cineteca Italiana

PROPOSTA DI VIAGGIO A SINGAPORE E IN MALESIA


.

ASSOLUTAMENTE QUANT’ALTRO

L’avverbio “assolutamente” sembra ormai entrato definitivamente nella lingua italiana in modo “assolutamente” superfluo. Non c’è una risposta affermativa o negativa durante interviste, dibattiti, incontri, chiacchierate tra amici che non comporti l’uso di “assolutamente” davanti a un SI’ o un NO che già sarebbero “assolutamente” sufficienti per indicare il parere dell’interpellato. E’ uno dei vezzi ereditati dall’inglese, forse ancor più dall’americano. Un vezzo-vizio che sarebbe augurabile gli italiani dimenticassero rapidamente ma che sembra destinato a seguire le orme del “momentino”, “attimino” ormai diffusissimo e incontrollabile.
Lo stesso sta accadendo per “quant’altro”, soprattutto quando qualcuno non sa che altro aggiungere a una frase ormai completata. Difficile capirne l’origine, ma anche questo intercalare sembra ormai acquisito. Anche se se ne potrebbe fare tranquillamente a meno. Provare per credere.

I CRONISTI ITALIANI A FIRENZE IL 7-8 OTTOBRE PER DIFENDERE LA DIGNITA’ DELLA PROFESSIONE

L’Unione Nazionale Cronisti Italiani ed il Gruppo cronisti toscani aderiscono alla giornata fiorentina del 7 e 8 ottobre “Giornalismi e giornalisti per la dignità della professione” promossa da Ordine dei Giornalisti, Fnsi, Ordine dei Giornalisti della Toscana e Associazione Stampa Toscana. Agli attacchi più visibili alla professione, come il reiterato tentativo delle leggi-bavaglio che sotto diverse forme tendono a limitare o impedire l’esercizio del diritto di cronaca, si unisce oggi una minaccia altrettanto pesante: la precarizzazione del lavoro giornalistico che costringe migliaia di professionisti a sottostare a regole diverse da quelle dettate dalle norme che governano il diritto all’informazione. Un giornalista che non ha la g! aranzia della giusta retribuzione del proprio lavoro è un giornalista la cui libertà è minacciata. I cronisti italiani guardano quindi con grande attenzione alla nascita di strumenti, come la Carta di Firenze, che contribuiscano a dare regole certe al lavoro dei tanti precari e alla difesa della loro dignità professionale