RSS Feed Subscribe to RSS Feed

PiazzettaVergani.org è un blog curato dal Gruppo Giornalisti Lombardi e intende da un lato essere un tributo al collega Guido Vergani scomparso nel 2005 e dall'altro un momento di confronto su temi politici, sociali ed economici

OMOTELEUTO, PARONOMASIA ED EPANADIPLOSI

Omoteleuto, paronomasia, epanadiplosi… Sembrano parole che sottintendano chissà quale mistero. Invece, più semplicemente, sono le definizioni di figure linguistiche applicate a frasi di ben più facile comprensione. Un esempio di omoteleuto? “Chi si loda s’imbroda”. Uno di epanadiplosi? “Meditate,gente, meditate”.
E c’è davvero di che meditare, anche per noi giornalisti nel leggere l’ultima fatica di Andrea De Benedetti, un collega, linguista dalla scrittura facile e accattivante, a proposito di lingua italiana. Il volume, edito da Laterza, si chiama “Val più la pratica”, sottotitolo “Piccola grammatica immorale della lingua italiana”, pp. 178, 14 Euro. E’ rivolto in particolare all’esercito che ogni giorno “dalle cattedre scolastiche, dalle rubriche della posta su giornali e riviste, e ultimamente anche dai blog – presidia la frontiera che separa la lingua “buona” dalla lingua “cattiva”. De Benedetti cerca di ridefinire il concetto di errore (quali sono gli errori davvero da matita blu e quali quelli che solo una visione ristretta e chiusa della norma fa giudicare ancora inutilmente tali?) e di riabilitare attraverso gli esempi “alcune presunte devianze dalla norma”, senza comunque fare rivoluzioni. Niente di immorale, quindi, nonostante il sottotitolo.